KHALID STRAVINCE LA PRIMA GARA DEL CIRCUITO PODISTICO

Categoria: Resoconti
Pubblicato Martedì, 30 Gennaio 2018 01:11
Scritto da Manuel Cecchinelli
Visite: 800

PRIMA TAPPA DEL CIRCUITO PODISTICO " DELLA VALDIMAGRA" 2018

L'ARCIGNO KHALID GAOUT  SFRECCIA PER PRIMO A SARZANA , BISSANDO IL SUCCESSO DEL NOVEMBRE SCORSO.

SARZANA. L'aria, il sole ed il cielo terso e pulito  di Sarzana mettono le ali all'Arcigno Gaout Khalid che si aggiudica con pieno merito la prima tappa di 10 Km del circuito podistico "della Valdimagra" 2018: una  manifestazione podistica, articolata in 7 tappe, ideata ed  organizzata dal Movimento Sportivo Popolare della Spezia, in collaborazione con il gli Enti Locali e gli Sponsor Sport Life, Latte Tigullio, Carrozzeria F.P. Una rassegna questo Circuito Podisticco 2018, molto bella ed aperta a tutti, che si avvale del supporto della Federazione Cronometristi della Spezia che certifica tempi e classifiche. Per la cronaca le restanti tappe si svolgeranno a Santo Stefano, Amelia, Fosdinovo, Castelnuovo Magra, una località definire ed ultima tappa a Marinella di Sarzana il 3 giugno.

Obiettivo principale degli organizzatori , a cominciare dalla presidente Chiara Domenichini,  è sicuramente quello di portare sempre più gente a correre all'aria aperta, sia perchè ciò giova alla salute dei cittadini sia perchè possano essere apprezzate maggiormente  le bellezze  naturali e paesaggistiche del nostro territorio senza per questo entrare in competizione con il Corrilunigiana che, tra l'altro,  inizia più tardi.

 

La prima tappa di Sarzana, dicevamo, ha ricalcato sostanzialmente  nel percorso la gara del  Novembre scorso vinta da Khalid con la differenza che questa volta i chilometri erano 10,00: un tracciato ad anello  di 5 Km ( da percorrere due volte) disegnato sulla strada sterrata che costeggia il Fiume Magra e che si inoltra nella campagna sarzanese fino all'ippodromo per passare vicino all'Autostrada A12  e quindi  ritornare nell'area Gerardo dove era posto il traguardo: un circuito tutto immerso nel parco fluviale senza il pericolo delle auto e con la sola difficoltà rappresentata dalle pozzanghere che, per chi corre, non sono certo un problema ma uno stimolo.

Buona la partecipazione agonistica con circa  70 atleti ai nastri di partenza in rappresentanza di molte  società spezzine e dei Gas Runners di Massa che hanno portato un buon numero di iscritti.  Molto ricco il pacco gara e veramente straordinario il ristoro con focaccia, pizza, pandolce, thè, , succhi, yoghurt et cetera e assai simpatica l'iniziativa della lotteria finale con numerosi premi a sorteggio. Bene così.

 Ma parliamo dell'aspetto agonistico.  L'asso del Golfo dei Poeti , Khalid, che porta sempre orgogliosamente il cappellino rosso  del Marocco,   ha cominciato subito  a ritmo elevatissimo, così che ha scavato un abisso tra se e gli avversari: un vantaggio che è andato ad aumentare sino alla fine e che ha evidenziato il suo splendido stato di forma evidenziato già domenica scorsa al Trofeo Tiamo di Viareggio. Quello della Freccia di Agadir   è stato un dominio assoluto. " Non ho forzato più tanto - ha detto raggiante Khalid - perchè temevo un infortunio, ma sono comunque soddisfatto. Bello il percorso che conosco molto bene, avendo vinto a Novembre, e organizzazione molto generosa e disponibile  con noi atleti; insomma una rassegna che merita di essere incoraggiata".   Numerosi gli Arcigni presenti con le ottime prestazioni di Luca Capineri Tosetti,  Paolo Ravioli, Stefano Squeri, Gianni Meaggia,  Euro Puntelli, Cesare Balzi, ma hanno portato  con orgoglio la maglia giallonera anche Adriano Ravera, Riccardo romano, Patrizia Tornaboni, Lorenzo Paita, Francesco Benacci, Andrea Benacci, Andrea Giumelli, ilio Gerini Silvio Gerini, Elisa Angelinelli, Luigi Angelinelli ed il vostro cronista. Detto questo  la presente gara del  Circuito, per come è stata organizzata e per la certificazione di un cronometraggio ufficiale, meriterebbe di entrare nella classifica della chilometrica del Golfo dei Poeti anche se su questo tema il dibattito è ancora aperto e sicuramente la situazione è fluida. 

KHALID / 40 ANNI E NON SENTIRLI. L'ARCIGNO  E' COME ROGER FEDERER:   MIGLIORA INVECCHIANDO.

Al di là di tutto siamo lontani dalle polemiche e  corriamo solo  per divertirci e, come afferma l'amico Riccardo Romano,  siamo solo contenti della strepitosa vittoria di KHALID che quest'anno di anni ne compie 40. Ma, come insegnano Campioni senza tempo  come Roger  Federer che ha  appena vinto l'ennesimo Australian Open, l'entusiasmo e la passione sono la benzina che ti spinge ad andar avanti superando la barriera degli anni e agguantando  vittorie che profumano di leggenda.   

Manuel Cecchinelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"