logotype

A.S.D. Golfo Dei Poeti Benvenuti!

GP TRAIL DELLE APUANE / L'ODISSEA DI PAOLA CARASSALE

"GRANDINE, NEBBIA, FREDDO, HO AVUTO PAURA DI MORIRE. MAI PIU' UN'ESPERIENZA DEL GENERE"

Gorfigliano (LU). La montagna va amata ma va soprattutto rispettata e temuta. Probabilmente gli organizzatori del Trail delle Apuane, nonostante l'allert metereologico,  non hanno pensato che il tempo potesse in breve  volgere al peggio e hanno dato il via ad una gara (poi annullata) che avrebbe dovuto essere differita. 

Quando c'è in gioco la sicurezza e l'incolumità degli atleti non può comunque essere accampata nessuna giustificazione e la soluzione è quella di rimandare tutti a casa. Senza se senza ma. 

Non sono pochi infatti  gli atleti che hanno rischiato la vita in questa edizione e tra essi c'era pure l'arcigna Paola Carassale, una specialista di queste competizioni, un'atleta che sa mantenersi lucida e fredda anche nelle situazioni più critiche, ma che questa  volta  è  andata in crisi,  una  crisi che ha condiviso  con i suoi compagni di avventura/ sventura.

 

L'abbiamo intervistata  Paola perchè la sua è una testimonianza preziosa esd importante che racconta di un'odissea che fortunatamente si è risolta nel modo migliore ma che avrebbee potuto avere un epilogo drammatico.

"Mi reputo un'atleta esperta di queste competizioni che richiedono sangue freddo  e soprattutto doti tecniche importanti. Chi soffre di vertigini o chi ha paura della montagna non può assolutamente prendervi parte. Sono partita decisa con il solito entusiasmo e la voglia di correre...ma le cose non sono andate come previsto..."

Cosa significa Paola questa tua affermazione: "Significa che in questa circostanza ho avuto paura di non ritornare più a casa e non rivedere più i miei cari e sono scoppiata a piangere...un pianto di sgomento e paura....una situazione psicologica difficile da spiegare e da gestire...."-

Spiegati meglio: "Siamo partiti da Gorfigliano con un tempo incerto e nuvoloso, poi si è scatenato l'inferno. Gli organizzatori ci hanno lasciati liberi di scegliere se partire o meno ed io ho scelto di partire. Ma sul monte Tambura ( un monte assassino ndr), c'era una nebbia che non si vedeva ad un centimetro di distanza e si doveva camminare sulla cresta, ai lati il burrone...il terrore poteva bloccarti le gambe...il cervello in queste situazioni è fondamentale....la paura puo' essere fatale... se cadi o ti scivola un piede sei spacciata....un incubo..."

Come hai fatto ad orientarti?: "Grazie a Dio seguivo chi mi stava davanti, altrimenti mi sarei bloccata..in questi frangenti è importante avere un punto di riferimento...altrimenti ti prende il panico...."

Poi avete proseguito : "Non c'era alternativa...ma abbiamo subito  una grandinata pazzesca con blocchi di ghiaccio da spaccarti la testa, poi il freddo che mi penetrava nelle ossa.... Ho pensato seriamente di non farcela...e devo ringraziare un angelo , un ragazzo di cui non conosco il nome che mi ha fatto coraggio...e aiutato anche con il suo telo termico....Ma l'odissea non era finita qui....abbiamo sentito un boato tremendo....era una valanga...."

Alla fine come vi siete salvati? "C'erano delle camionette che sulla sterrata che riportava a Gorfigliano ci hanno assistito....ma l'abbiamo vista brutta...."

Un'esperienza allucinante: "Quando qualche anno fa abbiamo differito il Trail del Golfo dei Poeti per le condizioni meteo siamo stati criticati da taluni ma non abbiamo fatto bene, abbiamo preso l'unica decisione logica per tutelare la vita delle persone....solo chi prova quello che ho provato lo capisce...."

Paola tu sei credente ? "Sì lo sono e sono convinta che veramente lassù Qualcuno mi ama. Pochi giorni fa sono rimasta chiusa in ascensore alle Poste e ho rischiato grosso pure lì....ma grazie a Dio sono qui a raccontarlo".

Cosa farai ora: "Voglio assolutamente incontrare e ringraziare quel ragazzo e quell'Angelo che mi ha aiutato e di cui non conosco neppure il nome".

Un Angelo appunto.

 

Manuel Cecchinelli

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2019  A.S.D. Golfo Dei Poeti  By Simone Covre - Theme By Globbers 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"