logotype

A.S.D. Golfo Dei Poeti Benvenuti!

Run in Como

COMO - 11/05/14 – Ore 5.30 suona la sveglia per andare a prendere il treno a Milano Porta Garibaldi delle 6.40: quanta forza di volontà ci vuole per alzarsi la domenica mattina! In questi 5 anni di corse ho sicuramente imparato una cosa: quando ti metti in testa di partecipare ad una gara la domenica mattina non temi tanto i 21km che dovrai fare in gara quanto il primo passo che devi compiere nella giornata, il primo metro che fai appena metti il piede giù dal letto! In quel secondo ti passano per la mente tutti i pensieri negativi … ma chi me lo fa fare … è pure brutto tempo .. ho le ossa rotte … ma cosa vado a fare fino a Como quando posso tranquillamente correre in tarda mattinata nel parco dietro casa … forse hanno ragione gli amici a dire che sto diventando fissato con la corsa …. Il secondo momento dal risveglio è già tutto un altro film: prendi coscienza che senza particolari problemi puoi raggiungere il bagno di casa reggendoti sulle tue gambe senza cadere (primo obiettivo di giornata raggiunto!), inizi a pensare alla bellezza del percorso dove andrai a correre per la prima volta, senti sensazione positive perché nel giro di un’oretta sarai nel magico mondo dei runners dove tutti i problemi della settimana si gettano alle spalle per lasciar spazio alla corsa. E soprattutto all’arrivo potrai divorare più di 2000 calorie senza sentirti necessariamente in colpa!

 

Colazione al volo, auto in car-sharing per raggiungere la stazione, treno, 15 minuti a piedi per arrivare nello stadio di Como. Alle 8 abbiamo già il pettorale sulla maglia arcigna, un’ora e un quarto prima del via: per la prima volta Luisa ed io non dobbiamo fare le cose di fretta per raggiungere la linea di partenza.

Il tempo sembra perfetto per correre: nuvole sparse senza precipitazioni, temperatura attorno ai 18 gradi. Al momento dell’iscrizione non erano specificati i dati del tracciato. Una generica descrizione “lungolago” fa immaginare un tracciato quasi interamente pianeggiante con partenza da Como fino ai comuni di Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio, dove è situato il giro di boa. Alle 9.15 la partenza per quasi 700 atleti: i primi km vanno via veloci, strada asfalta e panoramica che costeggia il lago: qualche rampa di 50-100 metri ma niente di eccezionale: 5.38 di ritmo, forse alla fine ci scappa il p.b. per Luisa. Ma al 5° km inizia una salita totalmente inaspettata: si procede a ritmo ben più lento e alla fine della discesa comunque non si riesce a rientrare nelle medie iniziali. Altri leggeri sali-scendi e all’8° km si riparte con la salita: ancora 5 minuti di apnea per arrivare in cima e buttarsi in picchiata nel tratto in discesa. Arriviamo al giro di boa attorno all’ora ma le gambe iniziano ad essere dure: forse abbiamo “forzato” un po’ troppo e iniziano a farsi sentire le fatiche degli ultimi 15 giorni (mezza maratona a Madrid e 18km EcoTrail del Ticino). Si riparte sullo stesso tracciato per tornare al punto di partenza con le salite/discese invertite, le principali al 13° e 17° km circa. Sulla salita finale sono in tanti a piantarsi e a proseguire a passo, più che una mezza maratona la corsa sembra essere diventata un trail per il continuo saliscendi del tracciato. Luisa ha un attimo di sconforto ma dopo 300 metri a passo riesce a ripartire, il traguardo è vicino. Chiudiamo insieme la gara in poco meno di 2h e 3 minuti: un tempo distante dal p.b. di Luisa ma soddisfatti perché il tracciato è stato sicuramente più tosto rispetto alle altre 5 mezze maratone portate a termine nel 2014. All’arrivo il ristoro non offre molto: acqua, sali minerali, mele e un po’ di pane e nutella e marmellata.

La gara è stata vinta da Francesco Puppi della società Daini Carate Brianza in 1h13’17’’ mentre nel campo femminile la vittoria va a Giovanna Meroni dell’Atletica Cantù con un tempo di 1h22’29’’.

 

Voto all’organizzazione della 4° mezza maratona di Como: 6.

Voto + per: bellezza tracciato, facilità di raggiungimento con i mezzi, costo non eccessivo (20 euro) fino a 4 gg dalla gara, doccia calda all’arrivo

Voto – per: ristoro finale (scarso), organizzazione alla partenza, pacco gara (gilet catarifrangente), ristori in gara (solo acqua, Sali minerali e zucchero).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

2018  A.S.D. Golfo Dei Poeti  By Simone Covre - Theme By Globbers 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"