logotype

A.S.D. Golfo Dei Poeti Benvenuti!

NON RISCHIATE

Ho letto che i cosiddetti “stradini” che lavorano nei cantieri autostradali hanno una maggiore possibilità di avere incidenti con il passare degli anni. Appena assunti difficilmente rimangono coinvolti in incidenti.

Forse perché se ci si sente sicuri diminuisce la percezione del rischio. E quando si corre…sottovalutiamo i rischi?

 Non mi sento di scrivere le mie solite baggianate quest’oggi. Ho letto tutti i post sul forum di Spirito Trail circa la morte (chiamiamola col suo nome: si muore…non si scompare) di un partecipante e lo stato di ipotermia di diversi altri concorrenti in una gara nella nostra Liguria. Una gara conosciuta da molti, corsa da alcuni Arcigni. Una gara sopra Savona: si parla di 1000 metri di altitudine, non del Monte Bianco o delle catene del Nepal.

Eppure si muore, eppure si viene ricoverati. Ho la fortuna di trovare piacevole correre ed ho la grandissima fortuna di amare correre per i boschi, da solo, godendo quanto mi ha dato il buon Dio. Ma sono stato baciato dal destino ad essere nato alla Spezia. Dico sempre: “Dammi una cosa che galleggi, che abbia dei remi ed io arrivo dove voglio”. Ma montagna “nada”. Mai una settimana bianca, solo una volta un trekking (infausto, tra l’altro), mai la Montagna. E forse è per questo che mi sento un “eletto”. Ho una fifa cane di quello che mi potrebbe succedere. In mare, più o meno, conosco i venti, le maree e le correnti. So nuotare e so portare una barca. So dei giubbotti, dei salvagenti e so bene quando bisogna mettere la prua verso il porto. Ed in montagna? NON NE SO NULLA. Quindi posso fare solo 2 cose. O non ci vado o mi preparo per andarci. E per montagna il vostro Borniotto intende anche il Parodi. Il giorno prima di quanto successo alla Maremontana sono andato a correre sul tracciato del TGP. Avevo con me un ricambio intimo termico, la giacca da montagna, il telo termico, da mangiare e da bere, una bandana ed un cappello in pile. Guantini in fondo allo zaino, mappa dei sentieri, calzini di ricambio, cerotti e banda elastica adesiva, fischietto e cellulare. Forse il mio zainetto sarà pesato 2 kg. Perché? Perché temo di trovarmi in una situazione che non sono in grado di affrontare. Basta una storta e ci si ritrova in quello che in francese viene definita “nella merda fino al collo!”. Però, pensando in questa maniera, me la sono sempre cavata, anche, e soprattutto, quando mi sono dovuto ritirare. Avendo tutto il necessario non mi sono mai sentito in pericolo. Allora penso: come fai a partire a correre (che sia gara od allenamento) senza avere la sicurezza di poter evitare spiacevoli situazioni? E magari parti già con il brutto tempo. Io mi considero un pivello nel trail e continuerò sempre a portarmi dietro tutto quanto ritengo giusto. Cavolo. Vedo Vendramel, Davidone o “Sgnurf” Molari che quando corrono hanno con sé un po’ di tutto…e stiamo parlando di gente che ha girato intorno al Bianco o ha fatto la MDS. Mica dei novellini. Quindi penso….se le persone più esperte di me fanno così…..potrebbe anche darsi che abbiano ragione. Cosa ne pensate?

Avvicinatevi al trail. Provate a correre sui sentieri che si affacciano sul nostro mare o che ci fanno vedere la città dall’alto ma, davvero: fatelo in tutta sicurezza. Non serve chissà cosa come materiale: io ho fatto trail da 30 km con uno zainetto da 5.99 € di Decathlon con dentro il necessario. Lasciate la pista ed incontrate il sentiero ma non pensiate che sia facile come fare una maratona. Pensateci, sempre!

Commenti   

 
0 #1 brumenca 2013-03-29 13:07
sono in perfetta sintonia con aba jacopo e vorrei aggiungere due cose lo spirito deltrai aiutate sempre persone in difficolta la vera gara è arrivare e godere della natura la seconda se è possibele gara o allenamento fatela con uno o più compagni sarà piacevole e sicuro ....arrivare 50 ° o 100° .........è lo stesso
Citazione
 
 
0 #2 CaterinaPagano 2013-04-04 21:28
parla una che si porta un kit di sopravvivenza anche quando va a fare la spesa ;P ..che benda elastica devo comprare che mi manca?? (ovviamente quella per il trail , non per l'esselunga) :P
Citazione
 
2020  A.S.D. Golfo Dei Poeti  By Simone Covre - Theme By Globbers 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"