logotype

A.S.D. Golfo Dei Poeti Benvenuti!

 A cura di Jacopo Borniotto

Mala Tempora Currunt

Ed anche quest’anno il Natale è passato. Il Natale bello che ci fa sentire tutti più buoni e ci fa vivere in un mondo di edulcorata felicità e gioia. E poi è il periodo di Vacche Grasse. E’ il periodo del Da domani Dieta e Corsa. Ma, in fondo, anche la dieta sembra più buona. E’ più buono l’automobilista che, prendendo una pozzanghera ci lava dalla testa ai piedi, ma si allontana dicendo “Ooh Ohh”. E’ più buono il cane, che lascia una torta di scioglievole menù a base di croccantini in mezzo alla strada, in modo che il carroarmato delle nostre nuove scarpe possa impastarsi a cotanta beltà di canino intestino. Ma, in fondo, sembra di aver pestato una torta alla vaniglia. E’ più buono il tempo, che piove fino fino da bagnarti il midollo, intaccando globuli bianchi, bronchi e pleura, ma, in fondo, sei cosi contento che non stia grandinando che corri intonando “i’m singing in the rain”. E’ più buona la salita, che ti accoglie come una suora accoglie un orfano di guerra, magari rimasto anche un attimino invalido; una dolce premura che non ti sfotte perché sembri un caciocavallo che crolla giù dagli scaffali dell Esselunga. E’ più buono il cronometro, che “chiude un occhio” e si scarica per non farti vedere che la tua andatura è più da casa di ricovero che non da runner. E’ più buono il gps, che da la colpa al cielo nuvoloso, ma senza grandine, e non ti umilia con passaggi al limite del ridicolo sul chilometro, mentre caracolli come un disperso nel deserto verso l’agognato traguardo. E’ più buona la pancia, che rimane sempre li, ma la senti sballonzolare di meno durante il riscaldamento a causa della maglia a compressione o perché lo strutto ed il burro ingurgitati hanno creato una sorta di Linea Gotica che sembra far venire meno il moto ondulatorio del carapace. E’ più buono il fegato, che decide di non contrarsi in caso di mancanza di ossigeno nel sangue. Una sua contrazione rilascerebbe una quantità al limite del mortale di lipidi, alcool e canditi.  Sono più buoni gli altri runner, che incroci a Natale. Sono più buoni perché ogni minimo cambio di ritmo potrebbe mettere a repentaglio la loro esistenza, sfiniti in cerca d’aria tra rutti al panettone e flatulenze al gusto esorcismo.

E poi il Natale finisce. Si spazzolano le ultime imbandite tavole con il cuore che si stringe pensando a cosa succederà dal giorno dopo e la gola che si stringe per un pezzo di torrone andato di traverso. Si rientra in ufficio e gli occhi sono bassi. Il morale è basso. Forse tirato giù dalla gravità, che ha smesso di essere buona e ti ricorda come erinni inferocita che hai fagocitato tante di quelle calorie che potrebbero darti fuoco per riscaldare il palazzo dove vivi. Sei stato soddisfatto nell’allacciarti la cintura allo stesso buco del “prima”. Poi, però, hai dovuto respirare, ed hai dovuto cedere all’ineluttabilità del “buco successivo”. Ti allacci le scarpe da running, ma al calarti senti le tempie pesanti e la giugulare che pulsa. Pensi al monossido di carbonio ma, ahimè, sai che non è così, amico mio.

Quindi…il Natale è passato. Le feste sono (quasi) finite. Non c’entra che tu sia un leone o una cazzella. Hai mangiato quanto un porco, Bevuto come una latrina. ORA CORRI!!!!

Gnurf, i Draghi la Ventenne e la pasta alla Crema

"Che bello!" penso mentre mi accingo a lasciare casa per partecipare alla Stralevanto. Tutto è organizzato nei minimi dettagli. Una precisione cronometrica che farebbe impallidire gli scienziati della NASA. Alcune piccole imperfezioni al Piano Strategico hanno però incrinato la pingue sicurezza del pregara. Tipo: presentarsi un'ora prima convinto che la gara partisse prima del sorgere del Sole. Tessera Arcigna dimenticata da qualche parte in casa. Certificato Medico non pervenuto. Porta pettorale autocostruito mod Mc Gyver ancora nel limbo del "Ma dove caxxo è?". Ovviamente digiuno in quanto ero certo che la gara partisse tipo alle 5 di mattina. Insomma. Sembro Fantozzi. Ma corro ai ripari con un piano B. Immenso sorriso a 42 denti al desk iscrizioni. Senza tessera e senza certificato sono Iscritto. un'ora di sano cazzeggio all'interno della BatMobile  sonnecchiando e gironzolo per Levanto ancora in fase di risveglio. Pisciata goduriosa vista mare. Finalmente arrivano i vari Arcigni. Sale però la fame e corro ai ripari con una bella BRIOSCHE ALLA CREMA con caffè doppio.

Leggi tutto: Gnurf, i Draghi la Ventenne e la pasta alla Crema

Ohi Ohi

E come l'Arcigna Caterina anche io riprendo.

Perché non è facile riprendere a correre e non è meno difficile riprendere a scrivere. Perché ci vuole lo spunto giusto per lanciarsi a correre ma non deve mancare lo spunto giusto nemmeno se si vuol cominciare a riempire il foglio bianco che Word ti para davanti. E cosi riprendiamo. Ma che fatica. Smaltita la "botta" del ritiro alla AW ho ricorso forse per due settimane, poi il bel (?) tempo ed i compagni della Canottieri mi hanno sviato dal mondo di sentieri e cinghiali per ritornare al primo, vero, amore: il canottaggio. Barca che scivola sull'acqua. Vogatori che non sono goffi, anche se non hanno la tempra ed il fisico che può portarli a Rio 2016. Vesciche sulle mani e calli che si fanno sentire. Che non sono noie, sono gioie per chi sa tenere il remo in mano. E cosi tanti km in mare e tanto tempo in vasca e sul remergometro. E poi la palestra. Quella chiusa, calda e afosa come il Mekong. Allenarsi in pantaloncini tirando su chili e chili. Poi, piano piano, le giornate si accorciano. Allora gli allenamenti diventano più brevi perché amnca la luce del sole....allora si riprende.... 30 minuti di corsetta leggera al MOLO (!) o sulla CICLABILE (che io sia maledetto) giusto per far girare le gambe. E poi applicare l'allenamento tipico del canottiere...ossia la Confusione Muscolare che alterna fondo lento e scatti, pesi e flessioni senza una logica. Ma...staremo a vedere... domenica canottiera gialla...un po' per far mostra dei bicipiti e delle "tette" che ho "messo su"...un po' per la gioia di tornare a Correre urlando Arcigni.....ci vediamo a Levanto. Se mi trovate a gattoni sulla salita.......finitemi!

A presto....ora vado verso il Raccordo per espiare le mie colpe di ciclabilepodistico...

2018  A.S.D. Golfo Dei Poeti  By Simone Covre - Theme By Globbers 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"