logotype

A.S.D. Golfo Dei Poeti Benvenuti!

Considerazioni

Considerazione post corsa .1:

Γνῶθι σεαυτόν. Nosce te ipsum.Conosci te stesso.

Oggi alla Saliscendi stavo bene e ho avuto modo di pensare senza preoccuparmi troppo di riportare a casa la pelle.
Iniziava la discesa sterrata bella piena di sassi. Gli altri anni l'avevo sempre fatta quasi a passo ché mi pareva un terreno decisamente "incerto". Dopo tutti gli allenamenti e le corse serali in cui ti abitui a vedere 1 metro alla volta mi si è aperto un mondo. Vedere TUTTA  e dico TUTTA la strada aveva un che di elettrizzante (wow. so dove mettere i piedi!!!). Sono venuta giù da quella discesa a rotta di collo che quasi per un attimo ho pensato di rompermelo, ma il mio collo è ancora qui. Conosci te stesso. E anche quando penserai di farlo non sarà mai abbastanza, ci sarà sempre qualcosa di nuovo da testare...

Dopo una corsa in cui mi diverto è sempre così, non faccio in tempo a far asciugare le scarpette dal fango che il cervello già macina futuri chilometri, più o meno probabili. Meno male che di scarpe non ne ho un paio solo ;P.

Considerazione post corsa n.2:

Di strada da fare ce n'è tanta, e per i tapascioni ancora di più perchè arrivano dopo.

A meno che non ci siano ristori abbondanti (come quello di oggi ad esempio, di cui non ho usufruito come avrei voluto per impedimenti "odontoiatrici".), quando arriva la sottoscritta il cibo è notoriamente finito e restano da spazzolare le briciole dai piatti. Bisogna lavorare sulla velocità per far sì di trovare libagioni non dico intonse ma nemmeno sparite.

 

Considerazione post corsa n.3:

Mi piacciono da matti i suoni della natura. Uccellini grilli cani vento acqua fiume pioggia gatti e chi più ne ha più ne metta. E allora perchè corro con le cuffie e la musica sparata a palla? Il mio respirare (leggi rantolare) affannoso mi distrae e perdo la concentrazione. Oggi ho capito perchè.

Tutto è cominciato due anni fa a Varese Ligure, alla marcia del biologico. Seconda corsa della mia vita. Ero penultima, dietro di me c'era un vecchino: età stimata sugli 80, che correva con una maglietta della Maratona di New York di qualche era in cui non ero ancora nata, piena di buchi. Un maglione di lana altrettanto sforacchiato dal colore indefinibile buttato sulle spalle. Scarpe tipo All Star o qualcosa del genere e zainetto militare, anche questi articoli provenienti da qualche era imprecisata. Il vecchino correva dietro di me e rantolava esageratamente, e io avevo una paura tremenda che stramazzasse al suolo. Su per la salita il rantolo è diventato un gorgoglio gutturale, il vecchino ha messo le ridotte e mi ha sorpassata bel bello come un treno a vapore mentre io mi chiedevo ancora perchè ero in un paese nel nulla, su per una salita con le mucche a lato strada, a soffrire ogni goccia del mio sudore mentre quella specie di reliquia era quasi fresco, escludendo quello strano suono che emetteva. Sono cose che fanno riflettere. Innanzitutto esprimo la mia stima per quel signore, stima infinita, lui si che è un Guerrirero con la G maiuscola. Secondo, ripensando a questo evento preferisco correre colla musica a palla. per non sentire il mio respiro. Ne' quello di nessun altro. I suoni della natura posso godermeli durante una passeggiata. E poi la musica mi distoglie dal chiacchierare con quelli che corrono intorno a me. ulteriore fiato risparmiato.

 

Considerazione post corsa n.4:

Gli Arcigni.

Li ho conosciuti proprio qualche giorno prima della Saliscendi 2011, erano a Beverino a provare il percorso e quel Sant'uomo di Erco mi ha accompagnata per tutto il giro, alla fine ho dovuto firmare il patto col diavolo e vestire i colori giallo-neri ( :P).

Alla saliscendi 2011 mi sono ritirata, letteralmente a un passo dallo svenimento in cima alla prima salita. Pochi metri davanti a me c'era la Elisa, che non conoscevo ancora, dietro di me l'ambulanza. Che ansia l'ambulanza che ti segue a passo d'uomo, ha un che di premonitore!

Vediamo il lato positivo, un carro funebre sarebbe stato peggio.

Quando sono arrivata in fondo (In macchina. Il gentile volontario dell'ambulanza voleva portarmi, io meno gentilmente devo avergli detto qualcosa del tipo " piuttosto lasciami a morire in un fosso, io lì sopra non ci salgo") mi ha accolto un "ARCIGNIIIII"  che quasi mi veniva da piangere. :)

Al di la' del podismo in se' che può essere una passione più o meno forte, ho trovato in questa banda di spostati :P, di cui orgogliosamente faccio parte, un gruppo di amici a cui difficilmente saprei rinunciare.

Grazie ARCIGNI per essere ARCIGNI!!! (Come al solito non vi elenco tutti, siete troppi! Siamo troppi!!! Evvivaaaaaaaa) ARCIGNIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti   

 
0 #1 brumenca 2013-05-27 09:09
mi commuovi sempre cate!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!
Citazione
 
 
0 #2 Massimiliano Ercolini 2013-05-27 09:25
grande Cate!!!!!
adesso, a distanza di due anni, diciamo la verità...il patto con il Diavolo lo hai firmato perchè ti avevo spappolato le scatole e avrei continuato a spappolartele finchè non firmavi!!!
:lol:
grazie a te per essere entrata in questa banda e per averla fatta crescere assieme!!
Arcignissima!
Citazione
 
 
0 #3 DavideAnge 2013-05-27 10:24
io credo che il bello di correre non sull'asfalto è come dici te per i rumori i profumi che sono diversi...ma la cosa davvero bella è sentire il tuo corpo che entra a far parte della perfezione della natura...e il respiro e suoi nel nostro corpo si fondono con i cinguetti degli uccelli.
Abbandona la musica sparata a bomba nelle orecchie....ti perdi metà della bellezza delle corse trail.. :lol: :lol:
Complimenti comunque...bell issimo articolo
Citazione
 
 
+1 #4 CaterinaPagano 2013-05-27 10:45
Davide in effetti fuori strada le cuffie le uso meno :) specie se devo stare attenta, ed in genere ho un respiro tollerabile. .ma su strada il rantolo mi disturba proprio (l'asfalto è meno musicale del bosco)!!!!
Erco ebbene si! Come spappoli le scatole tu non ci riesce nessuno (e meno male! !!) GRANDE ARCIGNOOOOOOOOO OO
Citazione
 
 
+1 #5 Marco Savani 2013-05-27 11:05
Mi ripeto come al Solito...Cateri na devi scrivere un libro.
Io ringrazio tutti i giorni Dio (esagero ?! )per avermi fatto incontrare Ercolini che mi ha Arcignato in ciclabile una sera di Ottobre 2012!!!!
Grande segretario....e grandi Arcigniiiiii!!!
Citazione
 
2022  A.S.D. Golfo Dei Poeti  By Simone Covre - Theme By Globbers 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"